Notizie e articoli
Grande festa per la Chiesa di Mantova
«Sopra ogni cosa custodite il cuore»
Il servizio del Vescovo Marco inizia con i giovani
di Redazione
dom 02 ottobre 2016

La Chiesa di Mantova si rimette in cammino, pronta a seguire la guida del nuovo vescovo Marco. Monsignor Busca, sacerdote 50enne bresciano, è stato chiamato da Papa Francesco a condurre la nostra diocesi e, dopo l’ordinazione dello scorso 11 settembre, ha fatto oggi il suo ingresso in città per iniziare il servizio episcopale.
Ad accoglierlo nel pomeriggio in Duomo centinaia di giovani in rappresentanza delle parrocchie, associazioni e movimenti cristiani del territorio. Dopo un breve momento di preghiera davanti alle spoglie del patrono Sant’Anselmo, il presule ha rivolto loro parole cariche di fiducia e speranza, per spingerli a vivere appieno la vita e contribuire a cambiare la società. «Sono convinto che voi possiate portare un’aria nuova nella Chiesa – ha detto – perché siete la generazione del multiculturalismo, dell’incontro piuttosto che dello scontro. Da quando sono prete, i giovani mi hanno tirato fuori la cosa più bella: il dono della paternità. Ed è questo che auguro ai tanti preti che vi accompagnano: essere padri e punti di riferimento nel vostro cammino quotidiano. Sopra ogni cosa custodite il vostro cuore».
I giovani hanno riempito il nuovo Vescovo di entusiasmo, calore, allegria e gioia. E monsignor Busca ha ricambiato volentieri l’affetto, fermandosi più volte per abbracciarli, fare un selfie, scattare foto o scambiare qualche battuta. È con loro che ha camminato dal Duomo verso piazza Erbe, dove ha ricevuto il saluto delle autorità: il sindaco Mattia Palazzi, il presidente della Provincia Beniamino Morselli e il prefetto Carla Cincarilli.
Da tutti un messaggio di stima e apertura, segno dei buoni rapporti tra lo Stato e la Chiesa di Mantova e soprattutto della volontà di rafforzare anche in futuro questo legame già solido. Il presule li ha ringraziati per le belle parole, affermando di sentirsi già mantovano tra i mantovani: «Vi auguro di avere un cuore di pace – ha detto - perché solo così sarete in grado di costruire una società più solidale».
Dopo la cerimonia in piazza Erbe, la processione dalla Rotonda di San Lorenzo verso la basilica di Sant’Andrea ha dato avvio alla celebrazione solenne con cui Busca ha fatto il suo ingresso ufficiale in diocesi. Durante l’omelia, il Vescovo ha affermato di aver fatto qualche ricerca sulla nostra città per prepararsi meglio all’incarico. «Ho letto un po’ di libri – ha dichiarato – però incontrandovi ho capito che avevate voglia di essere voi a raccontarmi la vostra storia e certamente tante cose le apprenderò più da voi che dai libri».
In seguito, il presule ha sottolineato che la Chiesa deve essere una memoria del Regno, per non essere sopraffatti dalla paura, dagli egoismi e dalla morte. «Nella mia croce episcopale – ha detto – ho voluto fossero rappresentate tante croci: sono le nostre, quelle pesanti, brutte e dure degli uomini. Ma incisa al centro c’è una croce smaltata d’oro: è quella di Cristo. Ci sono tante croci che attendono la doratura e innestate in Cristo ci sarà il miracolo».
Alla fine un ultimo richiamo alla comunione, il solo modo per andare verso il futuro come Chiesa e comunità. «Dove c’è vita c’è gioia e non c’è gioia che nell’essere uniti», ha sottolineato Busca. «Si tratta di trovare linguaggi per capirsi, di organizzare un lavoro da fare insieme, di fare politica per una convivenza più felice, di fare festa per la gioia di stare insieme. Sembra un’utopia ma sappiamo che perché questo succeda basta un granellino di fede».


DIOCESI DI MANTOVA       Piazza Sordello 15 - 46100 Mantova - Tel 0376/319511 - Fax 0376/224740 - info@diocesidimantova.it - diocesidimantova@pec.it
Diocesi di Mantova